Libera, almeno lei.

I parienti so come li stilavi: più so’ stritti più fanno mali!”

Ho rivisto ieri, dopo tanti anni “Brutti, sporchi e cattivi” di Ettore Scola. Le vicissitudini di una famiglia di sfollati pugliesi negli anni settanta, che vive in una baraccopoli sorta su una collina (Monte Ciocci) poco lontana dal centro di Roma: la famiglia Mazzatella.

160749581-dd6e44aa-ed90-4f4a-a656-744279856b10 (1)

Così vicini al centro che da ogni angolo spunta il cupolone o altra gloriosa architettura, ma loro che vivono nel fango, neanche ci fanno più caso. Neanche ci provano più ad alzare la testa, impegnati come sono a evitare rivoli delle fogne a cielo aperto, cumuli di spazzatura e chissà cos’altro.

Continua a leggere

Annunci

Non riesco a ricordarmi di dimenticarti

memento3

Memento, di Christopher Nolan


La memoria può cambiare la forma di una stanza, il colore di una macchina. I ricordi possono essere distorti; sono una nostra interpretazione, non sono la realtà; sono irrilevanti rispetto ai fatti.


“L’ho visto decine di volte!” è una frase che diciamo spesso riferita a un film. Non necessariamente significa che l’abbiamo visto più di cinque o sei volte, è vero. Ma è anche vero chememento ognuno di noi ha una manciata di film che ha scelto di rivedere ogni tanto e che continuerà a farlo ciclicamente per tutta la vita.

Questa foto è stata scattata nel 2002, stavamo guardando per la prima volta Memento.

Memento fa parte della mia manciata.

Io sono quello in prima fila e neanche mi accorsi che Fiorella stava scattando la foto. Alla fine del film credevo che fosse durato poche decine di minuti. Ero sconvolto! Riuscivo solo a pensare bellissimo, bellissimo, bellissimo.

Lo pensammo tutti, che fosse bellissimo, ma era l’unica cosa su cui eravamo d’accordo: per il resto ognuna delle persone presenti in casa aveva una versione diversa dei fatti. A distanza di quindici anni e decine di visioni (reali) ecco la mia versione dei fatti:
Continua a leggere

10 motivi per aspirare a scrivere narrativa

Contro-decalogo per scrittrici e scrittori esordienti

Jimi Hendrix3

Li trovi un po’ ovunque sul web. Consigli, Opuscoletti, Manuali da stampare, i “Ricordati che devi morire!!!” rivolti agli aspiranti scrittori. A volte seri come sermoni, altri molto ironici e compassionevoli. Tutti con due punti comuni. 1) Sono quasi sempre del tutto condivisibili (mi ripeto per non essere frainteso: dicono cose vere); 2) Sono di un pessimismo assoluto (nel senso che hanno come ratio quella di allertare l’aspirante su quello che l’aspetta: anonimato, delusione e fallimento).

Riporto, per fare un esempio, uno degli ultimi decaloghi di Giulio Mozzi. Uso proprio il suo perché è scritto bene e perché, Mozzi, è uno di quelli che con gli esordienti ci lavora. Li conosce, non parla a vanvera e le sue intenzioni non solo sono buone, ma si tingono spesso, di carattere umanitario.

Ecco il decalogo di Mozzi : Continua a leggere

Ian McEwan e l’insostenibile friabilità del cemento

Il giardino di cemento  è generalmente ritenuta una lettura disturbante, di sessualità deviata. Penso invece che il grande disagio che si prova durante la lettura, non derivi dalla presunta scabrosità delle scene raccontate, quanto da una verità che emerge ineluttabile e che, fatalmente, ci ammalia: Nella vita abbiamo innumerevoli scelte da prendere, tranne una, nessuno può scegliere chi amare.

cementgarden

Julie, Jack e Susan sono fratelli. Vivono coi genitori e il fratellino Tom, in una zona distante un paio di chilometri dai grattacieli; quartiere che doveva, secondo le intenzioni delle autorità comunali, essere riconvertito a viabilità primaria. L’autostrada non è mai andata avanti, ma prima dell’abbandono del progetto la maggior parte delle case sono state abbattute. Quelle rimaste sono per lo più disabitate e, frequentemente, vengono vandalizzate o incendiate. Eppure questa famiglia vive in una casa con giardino. Un giardino fatto di percorsi e collinette, curato dal padre in maniera rigorosa. Continua a leggere

Prima che il vento si porti via tutto

KidGunMario Schiavone di inkistolio.com mi aveva promesso di smontare American Dust. – Fammi venire voglia di rileggerlo, – lo avevo sfidato. Lo ha fatto e sono sicuro che sarà lo stesso per voi:


American Dust- Prima che il vento si porti via tutto

Questo bel libro l’ho scoperto per caso, portandolo a casa dopo essermi innamorato del titolo, un pomeriggio d’estate in cui ero al paese natio di mia madre e mi trovavo nella piazza centrale di fronte alla chiesa. Mangiavo caramelle zuccherate per sentirmi meno solo e fissavo un uomo senza gambe che vendeva libri seduto dietro una grande bancarella.

«Venite, fermatevi. Comprate un libro oggi e sarete felice anche domani. »

Continua a leggere